0%

NO ONE IS INNOCENT


15 MINS | COL | ANIMAZIONE | HD Stereo | ITA | 2022 | REGIA DI MARCO BOLOGNESI

SINOSSI


In un mondo distopico dominato da un regime oppressivo, la dottoressa Thorne vuole sperimentare un nuovo concetto di bio-corpo. Sostiene che il corpo umano avrà un nuovo futuro solo attraverso la tecnologia, perchè, in quanto involucro biologico fatto di carne e sangue, di organi e umori, è divenuto ormai obsoleto.

I personaggi che gravitano attorno a lei diventano marionette per il suo gioco di potere nel complesso mondo di Sendai City.

 

No one is innocent è anche il titolo del quinto singolo della punk-band Sex Pistols, pubblicato il 30 giugno 1978, e dal quale il film prende ispirazione e per raccontare la propria storia.

NOTE DI REGIA


“God save all us sinners / God save your blackest sheep
God save the good samaritan / and god save the worthless creep”

Così cantava il latitante Ronnie Biggs che, per l’occasione, si trovava al microfono dei Sex Pistols (appena reduci dall’abbandono di Johnny Rotten e Sid Vicious). Ho letto un’intervista in cui Paul Cook (batterista dei Sex Pistols) affermava che chiunque dovrebbe essere perdonato da Dio, anche le persone cattive.

Tutti abbiamo bisogno di salvezza, perchè nessuno è innocente. Pensate che, per il Cristianesimo, la nascita porta già con se il peccato originale. Un pacchetto completo, un ready-made: carne e colpa.

A Sendai City, però, la Religione è facilmente confondibile con la Scienza e c’è chi pensa che soltanto attraverso la tecnologia il corpo umano possa salvarsi. Ma sarà sufficiente, l’ibridazione, a espiare le colpe che la carne porta con sé?

Parallelamente “No one is innocent” significa anche che ogni cosa, vista da abbastanza vicino, può sembrare strana, distorta, altra, criminale. Come nella meccanica quantistica l’occhio dell’osservatore modifica il comportamento di ciò che viene analizzato. E l’occhio del governo di Sendai City è pesante, non è trascurabile all’interno di questo esperimento. Chiunque, anche l’uomo più retto, sotto un microscopio può rivelarsi colpevole.

 

Insieme a Blue Unnatural, To be Unnatural e Dystopia, la storia di No one is innocent non tenta una narrazione basata sul dialogo, ma fa vivere un mood

Immagini, situazioni, citazioni e manifesti. Grande peso è dato a questa forma di raccontare le emozioni, nella quale l’elemento della voce-off funge da collante.

Accanto agli altri tre cortometraggi citati, crea un unico film di un intero ciclo di 60 minuti composto da immagini, sensazioni sonore e utilizzo creativo del montaggio.

 

Play Cover Track Title
Track Authors